IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

ilgiornaledellalombardia@gmail.com

L’ITALIA NON ESISTE E’ SOLO UN FURTO COLLETTIVO.

Fonte: http://www.lisistrata.com/news/

di ADRIANA BOLCHINI

L’Italia non esiste è solo un insieme di territori e di popoli che sono stati espropriati delle loro radici, delle loro culture, e rapinati delle loro fatiche, dei loro legittimi guadagni e delle loro proprietà e soprattutto della libertà fino a volere annullare il diritto di partecipare alle proprie feste religiose, bollandole come se offendessero la sensibilità altrui, dei nuovi italiani che invece di integrarsi ci stanno disintegrando.

Se io dovessi trasferirmi in Arabia, in Uganda o in Cina, non avrei certo la pretesa che i nativi rinunciassero alle proprie tradizioni e nemmeno mi sentirei offesa dal fatto che loro le professino pubblicamente.

L’Italia unita non è mai esistita e soprattutto oggi non esiste dal Nord al Sud. E’ una menzogna collettiva tenuta insieme con lo sputo della solidarietà, specchietto per le allodole di un popolo reso imbecille dall’indottrinamento incessante del luogo comune “italiani brava gente” e dalle opere caritatevoli come la cassa del mezzogiorno usata come lenitivo per i popoli del sud, dopo che i reali li avevano rapinati dei loro beni.

Ci hanno cotto a fuoco lento, eppure, nonostante ciò, non esiste oggi un solo cittadino che abbia coscienza di se stesso e delle proprie radici che sia contento della situazione nella quale a poco a poco ha scoperto di essere stato gettato, come dentro una fornace da cui sembra impossibile fuggire.

Tutti ormai sono vicinissimi alla disperazione e alla ribellione collettiva. I siciliani, i sardi, i lombardi, i veneti, i piemontesi e oggi persino i triestini invocano la libertà, e chi più dei triestini ne ha il diritto?

Trieste dalla liberazione avvenuta dopo la seconda guerra mondiale è stata dichiarata non Italia, ma come un territorio libero triestino e affidato soltanto alla “custodia amministrativa dell’Italia” ma è un boccone troppo ghiotto perché Roma la liberi dal giogo sotto il quale l’ha soggiogata. I triestini però, non soltanto da oggi rivendicano questo sacrosanto diritto e non si accontentano più di rivolgersi ai tribunali internazionali che fanno orecchia di mercante, infatti ormai si sono dovuti organizzare, così scendono in piazza per mostrare al mondo ciò che persino le pagine dei nostri giornali e gli schermi delle nostre televisioni ci nascondono: il loro diritto all’indipendenza e questo soprattutto a causa della gestione fallimentare che l’Italia ha condotto in questi decenni, fino al fallimento totale.

Io sto con loro, sono vicina a loro, e se potessi scenderei anchio per le loro strade con i tamburi e i fischietti, per rivendicarne i principi sacrosanti.

Guardate il video con attenzione e ascoltate i pochi discorsi che vengono tenuti in piazza ove potete capire la dignità, il senso sociale del diritto collettivo, il principio della giustizia e il rispetto del territorio stesso, la coesione dei triestini forti della loro ragione, che mostrano a tutti il volto dignitoso del diritto.

Noi ormai forse siamo troppo “bolliti” per fare la stessa cosa, ci riuniamo solo per le partite internazionali e nazionali del calcio o assembriano i negozi dell’ultimo android uscito sulla piazza, ma quando manifesteremo a voce alta i principi che ci limitiamo a discutere sui tram, nei bar o sulle pagine di internet?

Rivendichiamo i nostri diritti!!! Noi abbiamo lavorato, abbiamo partecipato alla costruzione del Paese, abbiamo dato quello che avevamo per la realizzazione di un sistema sociale, che viene oggi sperperatoda una politica e da politici criminali, speso vergognosamete all’estero per ciò che manca a noi, regalato agli stranieri che per noi ormai sono solo degli invasori e che ottengono gli stessi diritti che a parole hanno gli italiani ai quali invece non viene dato nulla tant’è che il lavoro protetto è solo riservato a chi esce da galera, a chi ha i parenti in paradiso o è immigrato senza mai aver dato un solo centesimo a questa “inutile patria” sulla quale tutti sputano con disprezzo e lo possono fare perchè gli italiani che conterebbero, non hanno la dignità di farla rispettare.

Troppi gli episodi che fanno di noi una tribù di felloni e di pulcinella, uno su tutti la squallida storia dei due militari sotto processo in India, che sono stati traditi dalla patria per aver fatto il loro dovere e anche quando l’India stessa ce li ha resi, perché si potesse chiudere la vertenza con un nostro guizzo di dignità, che sarebbe poi stasto sistemato con atti di diplomazia, li abbiamo rimandati indietro per crocifiggerli, grazie alla vigliaccheria di chi siede nelle stanze del potere usato solo per rapinare tutto ciò che è possibile rapinare fino a bere il nostro sangue.

Ma noi siamo tanto bravi, siamo solidali infatti accettiamo tutti coloro che vengono qui, anzi andiamo a prenderli con le navi militari il cui mantenimento costa milioni, e non basta questo mandiamo milioni di euro in Paesi ricchissimi per progetti assurdi e inutili in Africa che è certamente un continente ricchissimo, che possiede giacimenti, petrolio, gas e ogni ben di dio della natura, che noi ci sogneremmo di avere, mentre ci dobbiamo accontentare del nostro sudore, per farcelo poi rapinare e dare agli altri, lasciando i nostri figli nel buio del tragico futuro che ci è stato riservato da chi ha avuto la capacità di uccidere la quinta potenza industriale del mondo, uccidendo con l’obbrobrio dell’ignominia coloro che ci avevano portato a quelle vette.

 

Annunci

6 commenti su “L’ITALIA NON ESISTE E’ SOLO UN FURTO COLLETTIVO.

  1. Pingback: Anonimo

  2. fabio ghidotti
    13 gennaio 2014

    perchè dici che l’italia non esiste e poi lo chiami “Paese”?
    Perchè parli dei due fucilieri di Marina come di due “…traditi dalla patria per avere fatto il loro dovere…”? Quale? Sparare e ammazzare due pescatori indiani? (che siano stati loro o due commilitoni, come sostiene un’altra ipotesi, fa differenza per la giustizia ma non per il principio).
    Quando capirai che lo “sputo” che tiene insieme questo Stato (non “Paese”, per favore!) non è la “solidarietà”, ma un’arroganza plebea (questa sì, “da nord a sud”) che ritiene gli italiani una razza superiore autorizzata a fare tutto ciò che vuole, capirai che le colpe non sono solo “in alto”…
    Quanto ai triestini, mi spiace per loro, con tutta la simpatia per l’aspirazione all’indipendenza di una parte di loro, ma la loro richiesta non ha fondamento giuridico: era chiaro fin dalla divisione in zone A e B fin dalla fine della guerra, che ci sarebbe stata una spartizione fra italia e Jugoslavia…

    • Axtra
      13 gennaio 2014

      ahia ahia Fabio ghidotti anche tu sei uno di quelli che si è fatto inculcare quello che hanno voluto..leggiti il trattato di pace che è ancora in vigore ti parla uno che lo ha letto riletto lo sa quasi a memoria quindi….attento Fabio…potresti svegliarti da un incubo e trovarti nella realtà…….

      • fabio ghidotti
        14 gennaio 2014

        quale incubo?

  3. Axtra
    13 gennaio 2014

    ah si acora una cosa leggiti un po di link http://triesteadesso.blogspot.it/ vai sul sito triestelibera.org ……. se non sei triestino non puoi capire il ns stato d’animo noi vogliamo quello che ci spetta di diritto è oramai non ci arrenderemo piu’ vogliamo la verità vogliamo il ns territorio

  4. Ferruccio Bracci
    19 gennaio 2014

    Noi ribadiamo da anni che che il popolo lombardo può esercitare l’iniziativa ai sensi dell’art.71 della Costituzione di proporre la modifica dell’art.116 per ottenere lo Statuto Speciale per la regione autonoma, avendo depositato lo Statuto dal 1995.
    Lombardia Nostra Autonomia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 gennaio 2014 da .

Visite

  • 38,956 visite singole

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 61 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: