IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

ilgiornaledellalombardia@gmail.com

Lombardia: la protesta dei Comuni contro il patto di stabilità.

patto_stabilita

ENNESIMO FUMO NEGLI OCCHI DEI LOMBARDI O SI ANDRA’ FINO IN FONDO? ENNESIMA INIZIATIVA PRE-ELETTORALE E MASCHERATAMENTE APARTITICA E TRASVERSALE? IL PROBLEMA RIMANE SEMPRE E SOLTANTO IL LEGAME CON LO STATO ITALIANO.

 

La rivolta dei Comuni contro il Patto di stabilità è iniziata lo scorso 18 ottobre, con la prima assemblea pubblica d’emergenza organizzata a Borgoforte in provincia di Mantova. Da allora, una dopo l’altra – si legge in un comunicato della Lega lombarda -, sono state più di 250 le città lombarde a mobilitarsi in piazza contro il Patto. Solo nell’ultimo weekend sono state organizzate più di 1000 iniziative che hanno coinvolto fra le altre, tutte le città capoluogo della Lombardia, oltre che moltissimi Comuni di piccole e medie dimensioni. La Lega Nord è stata l’unica forza politica ad aderire senza eccezioni alla campagna, mobilitando tutti i suoi esponenti territoriali». A questi si sono aggiunti altri importanti amministratori lombardi come Alessandro Cattaneo, sindaco di Pavia, che dichiara: «Il patto di stabilità è da formattare. Si tratta di una regola paradossale secondo cui chi meglio amministra, meno può spendere. A Pavia abbiamo 40 milioni accumulati dai risparmi sugli sprechi, ma non possiamo spenderli. Ci ritroviamo con le casse piene, ma senza servizi.» Della stessa opinione anche il primo cittadino di Bergamo Franco Tentorio, che definisce il patto di stabilità «un vincolo pesantissimo e ingiusto. »A Bergamo – prosegue – sono 90 i milioni di euro sequestrati da Roma che dovrebbero invece essere 90 milioni di euro da investire in servizi e opere pubbliche per i cittadini, risorse necessarie per il rilancio dell’economia. Un vero disastro.«

»La protesta – sottolinea il Carroccio – è stata capace di aggregare intorno allo slogan «Rompiamoilpatto» anche esponenti di diverso colore politico, come è accaduto nel caso di Varese. Al gazebo istituzionale promosso dal sindaco Attilio Fontana, presidente di ANCI Lombardia, sono infatti intervenuti gli eletti di tutti i partiti presenti in Consiglio comunale, da Sel al M5S, e persino il segretario provinciale del Partito Democratico. Un caso emblematico, che tuttavia non fa eccezione e dimostra un coinvolgimento trasversale, è quello di Crema dove la protesta è stata guidata da esponenti Lega Nord e Cinque Stelle. Oltre a questi esempi vanno segnalate anche le adesioni dei primi cittadini appartenenti al Partito Democratico dei Comuni di Como, a Lecco e Rho, che non hanno risparmiato critiche al patto di stabilità, definendolo «un meccanismo perverso».«

»Non finisce qui – promette Matteo Salvini, Segretario nazionale della Lega Lombarda, che aggiunge – la protesta di piazza di questi giorni è solo il primo passo di una rivolta che vogliamo portare fino in fondo. Per questa battaglia, se saremo costretti, siamo disposti ad arrivare allo sciopero dei Comuni, alla disobbedienza civile e alle dimissioni di massa.« »Il prossimo appuntamento – prosegue – coinvolgerà tutti i consigli comunali della Lombardia dove, nella prima seduta utile, verrà presentata una mozione in cui si chiederà al Governo di abolire una volta per tutte il Patto di stabilità entro il 31 Dicembre di quest’anno. Se ciò non avverrà, prenderemo atto che le vie della protesta pacifica sono inutili e di conseguenza saremo costretti a imboccarne altre. Una cosa è certa: non ci arrenderemo fino a quanto Roma continuerà a tenere in ostaggio i nostri Comuni virtuosi, con il solo scopo – conclude l’esponente del Carroccio – di poter garantire la copertura del suo debito e di quello accumulato dai comuni canaglia del Sud.«

Fonte: http://www.lindipendenza.com/

Annunci

5 commenti su “Lombardia: la protesta dei Comuni contro il patto di stabilità.

  1. Druido Lombardo
    29 ottobre 2013

    Le panzane di Salvini cominciano a stancare.Il patto di stabilità esiste dal 1999,la Lega Nord ha governato con la destra italiana dal 2001 al 2006 e dal 2008 al 2011,ma la Lega governativa MAI ha osato contestare il patto di stabilità che anche allora strozzava i Comuni lombardi.Il patto di stabilità applicato dal fedele alleato Tremonti (candidato nelle liste della Lega alle ultime elezioni politiche) andava benissimo quando la Lega era al governo,adesso invece che la Lega è temporaneamente all’opposizione (in attesa di tornare al governo con il padre-padrone Berlusconi)il patto di stabilità è la fonte di tutti i mali!

    • fabio ghidotti
      30 ottobre 2013

      condivido la critica. Con una correzione: la Lega “al governo con il padre-padrone Berlusconi” non ci tornerà MAI! E non solo perchè Berlusconi è finito…

  2. Druido Lombardo
    29 ottobre 2013

    In estate il “rivoluzionario” Salvini annunciava per l’autunno proteste epocali in tutta la “Padania” con serrate di esercizi commerciali e enti locali.anche quello ero uno scherzo?tra una grassa risata e l’altra aspettiamo la “rivoluzione” leghista. http://www.affaritaliani.it/politica/salvini-serrata-comuni-autunno1308.html

  3. Frank
    30 ottobre 2013

    PIANTATELA TUTTI VOI INDIPENDENTISTI, SE ESISTE UN PO’ DI CULTURA DI AUTONOMIA E DI INDIPENDENTISMO LO SI DEVE SOLO ED UNICAMENTE ALLA LEGA E A GENTE COME BOSSI CHE HA DATO LA SUA VITA PER SVEGLIARE I LOMBARDI CHE DI NATURA SONO SEMPRE STATI “OTTIMI” SUDDITI.

    • Druido Lombardo
      2 novembre 2013

      Ecco il frutto della politica di Bossi: ancora l’ennesima confusione (in malafede?) tra concetti e programmi diversissimi come autonomia e indipendentismo! che tristezza. e qualcuno crede ancora che per cambiare le cose basta affidarsi a una persona sola, all’uomo della provvidenza di fascista memoria! tra l’altro un leader che sbraitava nelle piazze e imboniva gli elettori parlando di rivoluzione e poi lui stesso era al governo dello stato italiano, trafficando con il pregiudicato Berlusconi (che qualche anno prima chiamava “il mafioso di Arcore”), con l’uomo dei poteri forti Tremonti e con il presidente di Bankitalia Antonio Fazio (forse perché aveva coperto lo scandalo della banca di area leghista Credieuronord???). Sveglia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 ottobre 2013 da .

Visite

  • 38,392 visite singole

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 61 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: