IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

ilgiornaledellalombardia@gmail.com

CoLoR44 ( Comitato Lombardo Risoluzione 44): fuoco amico sulla Lega Nord e non si capisce chi comanda.

color-44

 

Fonte: http://www.lindipendenza.com

di GIANFRANCESCO RUGGERI ( leghista)

Cosa sta succedendo a Color 44? Bella domanda, francamente non ho una risposta precisa ma è evidente che qualcosa non va, anche l’osservatore più distratto potrebbe accorgersene. Infatti qualche giorno fa il contatore delle firme ha raggiunto quota 5.000, non è certo un traguardo definitivo, ma è comunque un bella cifra tonda che andava festeggiata, come si era fatto in precedenza prima con quota 1.000 e poi con quota 3.000, però chi come me è iscritto alla mailing list non ha visto giungere nessuna mail e sulle pagine dell’Indipendenza non è comparso alcun comunicato come era accaduto nelle precedenti occasioni. Evidentemente in Color 44 vi sono al momento altre priorità e altre problematiche da affrontare.

Gli osservatori più attenti avranno notato anche che la raccolta delle firme ha subito una brusca frenata specie dopo il boom estivo, così quota 5.000 è stata raggiunta con una certa lentezza, per lo più grazie alle sole firme on line. Eppure quota 5.000 non è certo un traguardo difficile da raggiungere, si pensi che la petizione on line per l’annessione della Lombardia alla Svizzera è giunta a 30.000 firme raccolte solo via internet, inoltre ai primi di settembre la Lega ha finalmente rotto gli indugi e Salvini ha pubblicamente dichiarato di volere sostenere l’iniziativa. Con un comunicato ufficiale Color 44 non solo ha ringraziato per l’appoggio ricevuto, ma si è spinta oltre auspicando anche l’accantonamento di un progetto macroregionale, mai delineato nei suoi contorni reali e lontano dalla sensibilità politica dei cittadini lombardi e qui sono iniziati i primi problemi.

Premetto che sono io il primo a chiamare la macroregione con lo spregiativo termine de “la cosa”, ma preciso che lo faccio a titolo personale, ben diverso è il caso di un’organizzazione che si dichiara apartitica e apolitica. È facile immaginare la reazione di Salvini e più in generale della Lega, si saranno detti “nel momento in cui ti appoggiamo, rispondi così? Allora arrangiati, raccogli le firme da solo”. Francamente io che normalmente sparo a zero sui dirigenti leghisti, non saprei questa volta come dargli torto, pur confermando il mio personale giudizio negativo sulla macrocosa.

In realtà questa presa di posizione di Color 44 non ha certo danneggiato la Lega o i suoi dirigenti, anzi è stata un bell’assist per il dirigente medio cui basta gestire un tranquillo tran tran, contento che la sua unica preoccupazione sia spolverare la scagna su cui comodamente siede, invece di arrischiarsi in avventure indipendentiste come chiederebbe l’articolo 1 dello statuto. Se qualcuno della base dovesse ancora proporre di sostenere Color 44 il dirigente medio avrebbero buon gioco a rispondere: “Quelli che ci hanno criticato non appena li abbiamo appoggiati?”

In realtà questa presa di posizione ha danneggiato solo i semplici leghisti, la parte sana della Lega, militanti e sostenitori che senza indicazioni dall’alto si erano comunque dati da fare spontaneamente, firmando o raccogliendo firme, rompendo le scatole nelle sezioni, mettendoci la faccia. Perché credete che Salvini abbia deciso di appoggiare l’iniziativa? Perché nei mesi estivi i semplici leghisti ad ogni festa in cui si presentava lo rincorrevano con un modulo dicendogli di firmare, lo braccavano e gli chiedevano perché la Lega non avesse ancora appoggiato l’iniziativa. Insomma gli hanno letteralmente spaccato le palle per mesi, così tanto che Salvini potrebbe a buon diritto denunciare la base per molestie (stalking è una cazzutissima parola di cui non so che farmene e che la metà delle vittime di molestie neppure capisce).

La conseguenza è che tutti coloro che raccolgono firme per Color 44 e che al contempo sono in qualche modo vicini alla Lega sono rimasti vittime del “fuoco amico” di Color 44 ed ora sono di fatto “dormienti”, cioè hanno smesso di raccogliere firme in attesa di capire cosa vuole fare Color 44 e in attesa di capire per chi stanno raccogliendo le firme: ecco perché il contatore ha vistosamente rallentato. Qualcuno potrebbe dire che si tratta solo di un piccolo “danno collaterale”, con la stessa logica talvolta sento dire che la Lega deve scomparire sennò non si potrà riprendere una battaglia indipendentista seria, io invece sostengo che la Lega, nonostante la pietosa condizione in cui è stata ridotta, disponga ancora di un enorme potenziale in fatto di uomini e che non sia affatto da distruggere, bensì da riconquistare: occupy Lega! L’esempio di Color ne è una lampante prova, perchè tra i primi 5 raccoglitori di firme, ben 3 sono vicini alla Lega e da soli hanno raccolto più di 860 firme, altro che piccolo danno collaterale! Più in generale se pensiamo che la Lega ha 2500 tesserati nella sola provincia di Bergamo, ci rendiamo facilmente conto di quale sia il suo potenziale, pertanto più che distruggere un simile esercito sarebbe ben più utile riprenderne il controllo e lanciarlo alla conquista degli enormi spazi indipendentisti che si trovano attorno a noi.

I problemi però in Color sono anche altri. Chi dirige? Chi comanda? Quale è lo statuto? Come avviene il reclutamento? Boh, francamente non lo so e non sono certo l’ultimo arrivato dato che con 201 firme raccolte sono il settimo nella classifica dei ciapa-firme. Credo che esista un direttivo, ma non ne conosco i nomi, non sono pubblici, infatti sul sito non c’è nulla, come non sono riportati statuto e regole. Inoltre nonostante il mio contributo non mi è mai stato comunicato come e quando votare per il direttivo e men che meno mi è stato detto se volevo farne parte.

Inoltre su internet si trovano gli sfoghi di persone espulse, mi domando in base a quali regole e da chi, c’è chi ha abbandonato spontaneamente, c’è chi reclama la restituzione dei soldi che avrebbe versato per l’iniziativa, circolano petizioni per stabilire regole chiare: spero di sbagliarmi ma sembra che il tipico male padano, la litigiosità, si stia manifestando anche in questo caso. Non entro nel merito delle questioni di Color, piccole o grandi che siano spero si risolvano, noto solo che non c’è nulla di nuovo sotto il sole. I padani sono afflitti da un cronico tafazzismo, siamo come i capponi di Renzo e la situazione sta assumendo dimensioni preoccupanti, perché sembra che i lombardi siano persino peggio dei pur litigiosissimi fratelli veneti. È noto che in Veneto ogni 4 indipendentisti esistono 6 partitini diversi, ma per lo meno le firme sono riusciti a raccoglierle e le hanno anche presentate in Regione, in Lombardia rischiamo di fermarci prima.

Io credo che Color rimanga un’ottima opportunità per la nostra gente e la nostra terra, credo che questa battuta d’arresto possa essere superata per ripartire verso traguardi importanti, però è necessario risolvere subito certi problemi, facendo chiarezza e premiando chi ha dei meriti. Servono regole semplici, chiare e pubbliche che favoriscano chi dà un contributo effettivo e concreto, le chiacchiere non servono a nulla, al contrario affinchè l’iniziativa funzioni servono tre categorie di persone: i lavoratori, coloro che raccolgono le firme, i finanziatori, ovvero chi eroga contributi, e gli ambasciatori, quanti sanno intessere relazioni con tutti ed ottenere consensi ed appoggio trasversale. Gli altri a casa.

Infine una precisazione: sento dire da più parti che la serata indipendentista di Cologno al Serio sarebbe stata organizzata da Color44, sia chiaro che non è così, la serata è stata organizzata a titolo personale da Luca Sonzogni ( consigliere comunale della Lega Nord a Spirano-BG) con l’aiuto di alcuni amici, tra cui il sottoscritto. Punto.

Annunci

4 commenti su “CoLoR44 ( Comitato Lombardo Risoluzione 44): fuoco amico sulla Lega Nord e non si capisce chi comanda.

  1. Luca
    19 ottobre 2013

    A sembra che color44 sia pilotato da poche persone che senza verbali e senza chiarezza di statuto sta facendo epurazioni come i peggio comunisti. Chi scrive i comunicati? Chi decide chi deve far parte del comitato o no?

  2. Da Facebook il commento di Daniele Roscia:
    “L’illusionismo di Color44 è sconcertante: pensare di sostenere un’iniziativa politica affidandosi ad un’associazione che fa riferimento a tutti i partiti lombardi, non solo è velleitaria, ma pure controproducente. Ormai va di moda, sull’onda farsesca del grillismo, che i partiti politici siano solo fonte di ruberie e mancanza di soluzione dei problemi di comunità e territori. Nonostante l’evidenza dei fatti, sia in Catalagna e Scozia, dove forti movimenti indendentisti sono i motori delle istanze indipendentiste, si continua ad utilizzare lo schema che la mediazione politica possa essere concretizzata tramite comitati, associazioni o semplici cittadini. Così non è, anche se la tavoletta viene raccontata da un giornale che di indipendentismo vero a poco che fare se non il finto protagonismo di falsi leader da strapazzo: Bernardelli, Marchi ed altri che non meritano di essere neppure menzionati.”

  3. Scusate, sono passati quasi sette mesi dall’inizio della raccolta firme di Color44. Ma darsi dei seri tempi di raccolta? O si può firmare ad oltranza? Non è che una volta che la Lombardia sarà diventata indipendente grazie a un nuovo e vero modo di fare politica indipendentista tra la nostra gente, in Color44 sarà ancora in corso la raccolta di firme? Tenendo conto che ci potrebbero volere anche più di dieci anni, abbiamo già detto tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 ottobre 2013 da .

Visite

  • 38,425 visite singole

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 61 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: