IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

ilgiornaledellalombardia@gmail.com

Anche in Catalogna, il residuo fiscale non diminuisce nostante la crisi.

espoli-fiscal
Nel mondo dell’indipendentismo veneto o lombardo la questione del residuo fiscale è spesso al centro della discussione. Di recente il sito “Scenari Economici” ha diffuso gli ultimi dati, riguardi il 2012, e si tratta di cifre che fanno impressione, che si considera che la Lombardia (che è la regione più penalizzata) si vede sottrarre ben 56 miliardi annui, quale differenza tra la tassazione e i servizi – locali o nazionali – che riceve. Ma la questione si presenta fondamentalmente assai simile, al di là dell’entità del prelievo, in Catalogna, come evidenzia questo editoriale apparso sulla versione italiana del sito “Help Catalonia” ( di G.Bonometti)
 
Tra gli economisti gira una barzelletta che dice più o meno così: “Ci sono soltanto due cose costanti nell’universo, la velocità della luce ed il deficit fiscale catalano”.
Sfortunatamente, neanche la profonda crisi economica è stata capace di cambiare questo principio, che sembra stabilito come una specie di condanna storica per la Catalogna. Il consigliere catalano di Economia e Sapere, Andreu Mas-Colell, si è presentato ieri per rendere pubbliche le cifre del deficit fiscale, la differenza tra quello che lo Stato riscuote in Catalogna e quello che investe, relative all’esercizio 2010.
La realtà fredda dei numeri è che in quell’anno, il secondo dentro una situazione di crisi profonda, il deficit fiscale è stato di 16,543 miliardi di euro, l’equivalente al 8,5% del PIL, leggermente superiore a quello registrato nel 2009. Facendo il calcolo per flusso di beneficio invece che per flusso monetario, il risultato resta di circa 11 miliardi ed il 5,8% del PIL.
Mas-Colell si è astenuto dal fare alcuna considerazione politica. Non era necessario. Le cifre smentiscono le teorie secondo le quali la crisi avrebbe fatto scendere sensibilmente il deficit fiscale. Così non è stato. Nè le disposizioni addizionali dello Statuto nè il sistema di finanziamento concordato nel 2009 sono riusciti a ridurre un differenziale insostenibile per l’economia catalana. Nel mondo non esistono altri casi confrontabili. Quello che più si avvicina è il caso dello stato americano del Connecticut, che a malapena arriva al 5% del proprio PIL.
Dal 1986 questo trasferimento di risorse dalla Catalogna verso la Spagna equivale a sei piani Marshall: ammonta a 300 miliardi di euro. Qualcuno in Spagna ha ringraziato i catalani per questa solidarietà forzata? Macchè. La sola insinuazione che la Catalogna possa ricevere un trattamento differenziato provoca un’ondata di critiche. Davanti a questa situazione, è lecito prospettare un cambiamento radicale nei rapporti con lo Stato.
Perchè l’alternativa è accettare un castigo costante e arbitrario come la velocità della luce.
[Articolo tratto dal sito “Help Catalonia”, http://it.helpcatalonia.cat/2013/05/il-deficit-fiscale-si-mantiene.html]
Segnalato dall’ASSOCIAZIONE DIRITTO DI VOTO

logo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 maggio 2013 da .

Visite

  • 38,925 visite singole

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 61 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: