IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

ilgiornaledellalombardia@gmail.com

Poesia di Angelo Canossi: per un’offerta di un incarico a Roma….

Il veneziano Pompeo Molmenti (1852-1928) inizio la sua attività politica a Moniga del Garda (BS) prima come consigliere comunale e poi come Sindaco; nel 1890 venne eletto parlamentare e nei primi anni del Novecento propose al poeta bresciano Angelo Canossi (Brescia 1862 – Brescia 1943), poeta della brescianità e molto influente negli ambienti della cultura bresciana, di fargli da portaborse a Roma.

Così nel 1905 Angelo Canossi scrisse una poesia a riguardo, come risposta negativa, a chi gli tirava la giacca come diciamo oggi:

Angelo Canossi, maggio 1905

Non Possumus (Per ‘n’ofèrta dè ‘na carica a Roma)….

Lassém èl mé Dòm növ, èl mé Dòm vècc,

èl Pégol e la Lòza e la Palada,
èl bèl e ‘l bröt, le piazze e i vicolècc
dè la mé Brèssa sgrèza ma unurada;

lassém èl mé Castèl e i sò boschècc
pèr fàga töcc i dé ‘na spassezada

e töcc i dé ‘na quac scarabociada
sö le glorie dè Brèssa e i sò difècc;

lassém sbarcà ché a Brèssa ‘l mé lönare,
chè a mé mè basta sté sodisfaziù,
senza crus, senza cariche e salare.

Lassém fà ‘n santa pas èl mé mestér;
lassém cói mé Bressà e la mé ambiziù
d’ésser gna Comm, gna Uff, gna Cavaliér.

Traduzione in lingua franca italiana

Non Possumus (per un’ offerta di un incarico a Roma).

Lasciatemi il mio Duomo Nuovo, il mio Duomo Vecchio,

la torre del mercato, la Loggia e la Pallata,

il bello e il brutto, le piazze e i vicoletti

della mia Brescia ruvida ma onorata.

Lasciatemi il mio Castello e i suoi boschetti

per fare tutti i giorni una passeggiata

e tutti i giorni buttar giù qualche verso

sulle glorie di Brescia e i suoi difetti.

Lasciatemi sbarcare il lunario a Brescia,

che a me bastano queste soddisfazioni,

senza croce onorifica, senza carica e stipendio.

Lasciatemi fare in santa pace il mio mestiere,

lasciatemi con i miei Bresciani e le mie ambizioni,

cioè d’essere nè Commendatore, nè Grandufficiale, nè Cavaliere.

*Segnalata da Giulio Mattu e l’amico Carlo. La traduzione e i riferimenti storici sono di Alfredo Gatta………… Brescia

Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 ottobre 2012 da .

Visite

  • 38,956 visite singole

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 61 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: