IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

ilgiornaledellalombardia@gmail.com

Comunicato di Terra Insubre in favore della toponomastica in lingua lombarda.

COMUNICATO STAMPA TERRA INSUBRE – LECCO

Immagine

 

La sezione lecchese dell’associazione culturale Terra Insubre desidera esprimere pubblicamente il proprio sdegno e la propria preoccupazione per la rimozione dei cartelli in lingua lombarda occidentale (insubre) posti agli ingressi della città di Lecco.
Ci teniamo a ribadire l’importanza della lingua madre come fattore che contraddistingue l’identità di una comunità e come patrimonio inestimabile della stessa.
Facciamo presente che, sebbene il lombardo venga erroneamente considerato un dialetto dell’italiano a volte anche dai suoi stessi parlanti, i linguisti lo annoverano tra le lingue romanze e attribuiscono la qualità di dialetto alle sue varianti (milanese, brianzolo, laghée…). Purtroppo lo Stato italiano non riconosce un regime di bilinguismo ufficiale nei nostri territori e nemmeno riconosce alla lingua lombarda il rango di minoranza linguistica tutelata.  Il risultato è che, sotto la livella delle forze globalizzatrici e omologatrici di quest’epoca storica, sempre un minor numero di persone parlano lumbard e l’UNESCO lo ha definito una lingua in serio pericolo di estinzione.
Per questo consideriamo il gesto dell’amministrazione comunale lecchese ancor più deplorevole: la furia legalista e giacobina con cui si è mobilitata per sanare una violazione del codice della strada è di tutta evidenza un tentativo malcelato di estirpazione delle radici lombarde della città di Lecco.
Sembrerà ai più un fatto banale, ma il valore simbolico della rimozione dei cartelli in lombardo è devastante: è unosfregio a sentimenti ed affetti collettivi ancestrali, la cui vitalità a certe latitudini preoccupa più che ad altre. E far dimenticare a un popolo chi è e da dove viene è l’arma più potente per condannare la sua esistenza all’oblio della storia.
Ora campeggia solo l’asettico cartello a sfondo bianco in lingua italiana, espressione e strumento dello Stato accentratore: artificiale, letteraria, pulita. La scomparsa di quello a sfondo marrone rimarca il senso di vergogna che da 150 anni i lombardi devono provare quando si esprimono nella loro lingua, troppo sporca della terra da cui nasce e troppo grezza come la gente che la parla.
L’amministrazione comunale, mettendo in atto questa patetica rappresaglia antidentitaria più che patriottica, ha dimostrato di essere asservita al progetto mondialista di sradicamento e massificazione socio-culturale pianificato dai poteri forti nemici dei popoli.
Noi di Terra Insubre non dimentichiamo che Lecco è primariamente lombarda, da molto tempo prima che il Risorgimento unisse militarmente le sue sorti con quelle di tutta la penisola italiana, e che il lombardo è la lingua che storicamente si parla su questo ramo del Lago di Como da ben prima che fosse imposto l’italiano come lingua franca.
La lingua lombarda, generatasi spontaneamente nel corso dei secoli dalle persone e dalla terra, è specchio fedele del popolo lombardo, della sua mentalità, del suo spirito.
La nostra lingua parla inevitabilmente di noi: conservarla e non dimenticarla è una garanzia della nostra esistenza.Estirparla è incomprensibile autogenocidio.

Varese-Lecco, 8 giugno 2012

ASSOCIAZIONE CULTURALE TERRA INSUBRE

Annunci

2 commenti su “Comunicato di Terra Insubre in favore della toponomastica in lingua lombarda.

  1. COMUNICAA STAMPA TERA INSUBRA – LECCH

    La sezion de Lecch de l’associazion cultüral Tera Insubra la voeur fa püblich ul so sdegn e preocupazion per la rimuzion d’i cartej in lengua lumbarda occidental (insuber) metüü giò a l’entrada de la cità de Lecch. Gh’e tegnum a ribadì l’impurtanza de la lengua mader cumè un quajcoss c’al rapresenta l’identità de un grüp de person e cumè so patrimoni prezius.

    Femm present che, anca se ul lumbard al vegn per sbaj cunsideràa un dialet de l’italian certi volt anca da quej c’al parlen, i scienzià de la lengua a disen che ul lumbard l’è una lengua rumanza e g’a dan ul nom de dialet ai so variant (milanes, brianzoeu, laghèe…). Pürtropp ul Stat italian al recognus no ul bilinguism nela nostra tera e minga nanca, a la lengua lumbarda, ul rangh de minuranza lenguistica tütelada.

    Ul risültà a l’è che, sota la livela di fors globalizatris e omologatris del dì d’incoeu, l’e sempre menu ul nümer di gent c’a parlen ul lumbard e l’UNESCO l’ha definì una lengua c’a l’è adrèe a sparì.

    Per via de sti mutiv, cunsideremm quel c’a la fà l’amministrazion del Cumün de Lecch an’mò püsèe periculus e scunsideràa: la füria legalista e giacobina con cui la sé mubilitada per sanà una violaziun del codes de la strada l’è ciarament un tentatif malscundüü de estirpaziun di radis lumbard de la cità de Lecch. Al parerà ai tant una roba de poch, ma ul valur simbolic de la rimoziun di cartej in lumbard l’è teribil: l’è un cazott ai sentiment coletif ancestral, che a certi latitüdin al desta püsèe preocüpazion che a olter.

    Adess a gh’è dumé ul cartell senza coeur a sfund bianch in lengua italiana, espression e strüment del Stat accentratur: artifisal, leteraria, neta. La sumparsa de quel a sfund maron la ribadis ul sens de vergugna che da centcinquant’ann i Lumbard g’han de sentìi quand a parlen la propia lengua, trop vuncia de la tera da induè la nas, trop tajada giò cumè la gent c’a la parla. L’amministraziom cumünal, tirand in pè sta patetica rapresaja anti-indentitaria püsèe che patriotica, l’ha dimustràa de vess s’ciava del pruget mondialista de sradicament e massificaziun socio-cultüral pianificàa dai puter fort nemis di popul.

    Nüm de Tera Insubra a desmentegum no che Lecch l’è prima de tütt lumbarda, da tantu temp prima che ul Risurgiment metess insema militarment ul so destin con quei de tüta la penisula italiana, e che ul lumbard a l’è la lengua che sturicament s’a parla in de chel ram chè del Lach de Com da ben prima che foss impurtàa l’italian comè lengua franca.

    La lengua lombarda, nasüda spuntaneament in di secul dai person e da la tera, l’è specc fedel del popol lumbard, de la sua mentalità, del so spirit. La nostra lengua la parla inevitabilment de nüm: tegnìla de cünt e desmentegarla no l’è una garanzia de la nosta esistenza. Tajala sü a l’è incumprensibil autogenocidi.

    Varés – Lecch, 8 giügn 2012

  2. Pingback: Per non dimenticare l’importanza della lingua madre. | IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 giugno 2012 da .

Visite

  • 38,655 visite singole

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 61 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: