IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

ilgiornaledellalombardia@gmail.com

LOMBARDIA: Teniamo alta la bandiera!

Riceviamo e pubblichiamo:

L’identità, come anche la democrazia, viene dal basso, di questa come di altre buone regole di vita dovrebbero rendersene conto anche i partiti italiani che governano Palazzo Lombardia, sempre più coinvolti in scandali che oltre a delineare un quadro sempre più fosco della nostra politica portano soprattutto discredito nei confronti di tutta la comunità lombarda.
L’attuale classe politica lombarda pare ormai delegittimata e scollegata dalla realtà che vive ogni comune cittadino, e anche le recenti polemiche sulla bandiera lombarda lo confermano.
Questa stucchevole polemica bipartisan che da un po’ di tempo a questa parte imperversa nei confronti della nostra bandiera, la croce di San Giorgio, ha veramente dell’incredibile.
I lombardi non meritano e non vogliono che un fatto naturale e quanto mai normale come il diritto alla propria bandiera si presti a becere strumentalizzazioni all’italiana.
Ancora una volta i rappresentanti politici – ormai non si sa bene esattamente di chi – hanno veramente scarso rispetto nei confronti della terra di cui hanno l’onore di rappresentare.
In questo senso come pro Lombardia Indipendenza non possiamo tacere e facciamo appello al buon senso, se è rimasto, augurandoci che finalmente, e senza polemiche si giunga ad una definitiva approvazione di quello che da più di otto secoli è il vessillo lombardo per eccellenza.
Sempre in merito ai simboli pare un momento particolarmente caldo, se da una parte il “fattaccio” ossia mancanza di buon gusto nei confronti della nostra identità si sia ridotto a polemica politica, dall’altra (e cosi è stato anche per il passaggio alla Tesoreria Unica che ha privato i comuni dei propri risparmi) il governo italiano dal suo canto sta de legittimamente facendo molto di più, e di ben più grave.
Pare infatti che la premiata ditta guidata da Mario Monti sia intenzionata a voler far tornare indietro la Storia di novant’anni, quasi da ventennio fascista.
Infatti come di recente hanno riportato le maggiori agenzie di stampa, in questi giorni è in fase di studio un decreto messo a punto dalla Commissione cultura del governo italiano, tale decreto vuole imporre l’obbligatorietà dell’Inno di Mameli nelle scuole ed istituire “una giornata dell’Unità, della Costituzione e della bandiera quale festa dello Stato”.
È chiaro che questa operazione miri ad imporre un’identità aliena come quella italiana alle future generazioni lombarde a partire dai primi anni di vita. Oltre all’illegittimità, questo atto pare del tutto maldestro e fuori dal tempo: l’agire in questi termini non fa che confermare quanto il Moloch Italia sia ormai giunto agli sgoccioli.
Anche in questo senso, pro Lombardia Indipendenza vigilerà e sarà pronta ad intervenire qualora vengano attuati comportamenti denigratori e lesivi del diritto d’esistenza dell’identità lombarda.
Nello stesso tempo da indipendentisti e uomini liberi faremo si che queste imposizioni antidemocratiche e liberticide, che sembrano pronte a calare sulla nostra gente per mezzo del potere centrale italiano, trovino la giusta e democratica risposta.
Abbiamo ampiamente superato il terzo millennio, e con esso molti popoli si sono liberati dal giogo centralista ed altri si stanno sempre più rendendo conto di come il futuro passi, solo e soltanto, per mezzo del l’autodeterminazione e la riscoperta di ogni specifica peculiarità nazionale.
Tale passaggio è naturale ed in linea coi bisogni culturali ma anche economici, il tutto nell’ottica di una miglior esistenza.
Crediamo che lo stesso valga anche e soprattutto per i lombardi. Per troppo tempo abbiamo pensato che ciò non fosse possibile, per troppo tempo abbiamo demandato ad un potere scollegato dal nostro modo di ragionare, lavorare e vivere.
E’ giunto il tempo di camminare con le nostre gambe e ragionare con la nostra testa, perché lo vogliamo e perché possiamo.

Alessandro Ceresoli
pro Lombardia indipendenza

http://www.prolombardia.eu

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 marzo 2012 da .

Visite

  • 38,925 visite singole

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 61 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: