IL GIORNALE DELLA LOMBARDIA INDIPENDENTE

ilgiornaledellalombardia@gmail.com

Pro Lombardia Indipendenza:con il No alla tesoreria unica nasce una nuova coscienza lombarda.

Riceviamo e pubblichiamo:

Il cammino per l’indipendenza è fatto di piccoli passi e il secco No alla tesoreria unica lanciato dagli amministratori lombardi può essere la prima e fondamentale azione di disobbedienza civile nei confronti dello Stato italiano.
Noi di pro Lombardia indipendenza sapevamo che il blitz all’incontro organizzato da ANCI Lombardia avrebbe avuto eco e avrebbe prodotto nell’immediato una profonda riflessione su questa ennesima rapina ai danni della comunità lombarda.
La nostra lettera, consegnata al Presidente di ANCI Lombardia Attilio Fontana, ha dato i suoi frutti, e almeno possiamo assistere ad iniziative legali in aperto contrasto con l’articolo 35 del decreto “salva Italia”.
Continuiamo comunque a ritenere che diffidare gli istituti di credito e confinare la protesta alle iniziative legali sia inutile, lo Stato italiano ci ha dimostrato che può e intende azzerare l’autonomia dei nostri enti locali con un tratto di penna, appropriandosi di miliardi di €uro prodotti dalle nostre famiglie e dalle nostre imprese e sapientemente gestiti dai nostri amministratori locali (ripetiamo, perché ce n’è sempre bisogno, che la nostra protesta e le nostre proposte vanno al di là del colore politico che gli amministratori scelgono di indossare).
E’ un piccolo passo, è sempre un inizio, ma per evitare che la nostra sacrosanta protesta si disperda nell’indifferenza e nel vuoto politico che i partiti italiani sanno creare, è necessario che vengano prese decisioni ferme che estendano la riflessione sulla gravità del momento a tutti i lombardi, rimanendo nei binari della civiltà e della nonviolenza.
Ritorniamo a chiedere a tutti i sindaci di Lombardia di dimettersi in protesta a questa scellerata norma, chiudendo gli uffici comunali e consegnando le chiavi del proprio municipio al Presidente Formigoni, il cui silenzio sulla questione è inaccettabile.
Fatevi “commissariare”, e ripresentatevi alle prossime elezioni chiedendo ai lombardi il mandato di gestire il nostro futuro e le nostre risorse senza intermediari né padroni.
Il primo passo è stato fatto, ora con coraggio e consapevolezza, avanti il prossimo!

Giovanni Roversi

pro Lombardia indipendenza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 2 marzo 2012 da .

Visite

  • 38,395 visite singole

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 61 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: